Contributo a fondo perduto per le attività commerciali sarde

La Giunta Regionale ha attuato una nuova manovra per la concessione dei contributi in conto capitale e conto interessi per le operazioni di credito agevolato verso le attività commerciali.

Chi può usufruirne?

  1. Le imprese commerciali iscritte nel Registro delle Imprese in Sardegna che abbiano realizzato l’investimento e stipulato con le Banche contratti di finanziamento (erogati a decorrere dal 02 gennaio 2022) in materia di:
  • acquisto del terreno destinato alla costruzione e/o all’ampliamento di fabbricati a servizio dell’attività commerciale dell’impresa;
  • acquisto, costruzione, ristrutturazione, ampliamento e/o ammodernamento di fabbricati a servizio dell’attività dell’impresa incluse le spese per lavori e impianti finalizzati alla tutela dell’ambiente e alla sicurezza dei luoghi di lavoro e spese tecniche di progettazione;
  • acquisto di macchine, attrezzature fisse, mobili impianti e arredi autoveicoli nuovi o usati, incluse le spese per gli impianti e le attrezzature connesse al sistema informatico e comunicazionale;
  • acquisto di software, diritti di brevetto e licenze e realizzazione di siti web;
  • acquisto di scorte e di prodotti finiti.
  1. Tabaccai
  1. Edicole
  2. Commercio al dettaglio, in sede fissa (comprese le attività di commercio esercitate per mezzo di apparecchi automatici di generi alimentari e non alimentari in locali aperti al pubblico o su aree pubbliche accessibili direttamente al consumatore finale) o ambulante e all’ingrosso;
  3. Somministrazione al pubblico di alimenti e bevande
  4. Ausiliari del commercio (limitatamente alle seguenti figure: Agente e Rappresentante di commercio, Commissionario);
  5. Commercio al dettaglio di beni e servizi per via elettronica, esclusivamente se congiunto, connesso e funzionale ad altra attività di commercio al dettaglio in sede fissa e commercio all’ingrosso già esercitata

Erogazione del contributo
L’erogazione avverrà sotto forma di contributo in conto capitale e conto interessi, con spesa minima di 5.000 euro e nessun limite massimo, con applicazione della regola “de minimis”. 

In conto capitale
Contributo in misura del 40% del costo documentato per la spesa al netto di imposte, sostenuta per la realizzazione dell’investimento (escluse le spese sostenute per l’acquisizione di scorte di materie prime e di prodotti finiti).

In conto interessi
Contributo in misura del 64% secondo il tasso di riferimento vigente alla data di stipula del finanziamento per una durata massima di:

  • 12 anni per acquisto, costruzione di immobili; 
  • 6 anni per macchinari, impianti e attrezzature; 
  • 5 anni per le scorte.


Riduzione costi di garanzia del Confidi

Qualora il finanziamento per il quale viene richiesto il contributo in conto interessi/canoni fosse garantito (in misura pari almeno al 50%) da un Confidi, è possibile richiedere anche il contributo dello 0.50% annuo dell’importo del finanziamento, per la riduzione dei costi della garanzia, per un massimo di 5 anni.

Contributo per le assunzioni del personale
Se oltre agli investimenti l’impresa incrementa la forza lavoro, potrà beneficiare di  € 5.000,00 per ogni ULA certificata fino ad un max di 3.

Nel caso specifico, sarà necessaria una relazione tecnica asseverata presentata da un professionista regolarmente iscritto all’albo (consulente del lavoro, commercialista) che dovrà evidenziare un aumento delle ULA in carico al proponente, determinato tra la data di presentazione della domanda di agevolazione e la stessa data dell’anno precedente.

Cosa aspetti?

Affidati subito a Sportello Innovazione per richiedere il contributo,
PRENOTA ORA LEGGE COMMERCIO

Scopri le tue probabilità di successo

Ottieni il risultato e un coupon sconto su servizi selezionati

Newsletter

Scopri le novità sul mondo del business, bandi e fondi
nazionali ed europei, novità legislative per l’impresa e tanto
altro, iscriviti alla nostra newsletter!